testata
homepage manifestazioni associazioni storia rubriche
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
Google
 











Notizie Online

STORIA

POVERTA' E FAME

La dominazione spagnola provocò l'impoverimento di tutta la valle e per i piccoli paesi come il nostro dove non vi erano miniere di ferro in attività fu una vera tragedia, nemmeno il periodo di governo asburgico contribuì a risollevare le sorti della precaria economia. Così il destino dei pagnonesi fu quello di emigrare e di sopravvivere sostentandosi con quei pochi prodotti che riuscivano a ricavare dalla terra e dall'allevamento di pecore e capre, principalmente. L'allevamento dei bovini, dapprima, era praticato solo dalle famiglie più benestanti, si allargò via, via a tutti gli strati della popolazione, grazie ai sudati risparmi degli emigranti. La mucca era il bene più prezioso della famiglia, le epidemie di afta rappresentavano una catastrofe. La vita dei nostri antenati, dal Diciassettesimo secolo fino alla prima metà del Ventesimo secolo, era segnata dalla povertà e dalla fame. Nel paese restavano solo le donne, i bambini ed alcuni artigiani che svolgevano la loro attività in loco. Rimanevano pochi fabbri, carbonai, mugnai e scalpellini, quelli che partivano si adattavano ai faticosi lavori di muratore, si impiegavano nelle fucine e negli arsenali o in altre durissime professioni. Le donne, dunque, dovevano prendersi carico, per gran parte dell'anno, della conduzione familiare e contemporaneamente della campagna. I bambini all'età di sei anni erano considerati forza lavoro: custodivano le greggi, aiutavano le madri in tutti i lavori agricoli. Gli uomini tornavano a casa nella stagione invernale, per ripartire in primavera, approfittavano del forzato riposo per tagliare la legna e svolgere tutte le riparazioni necessarie a mantenere in buon stato la campagna, le stalle e la casa di abitazione. Tutti dovevano lavorare, si iniziava da bambini e si finiva il giorno della morte, erano esentati solo gli invalidi gravi, chi era affetto da menomazioni meno problematiche dava comunque il suo contributo all'economia familiare accudendo i bambini e nelle attività le meno faticose.


Pro Loco Pagnona - Via Municipio, 2 - 23833 Pagnona -LC