testata
homepage manifestazioni associazioni storia rubriche
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
storia
Google
 











Notizie Online

STORIA

COLTIVAZIONI

I terreni erano coltivati ovunque, fin oltre i 1000 metri di altitudine, perché il bisogno di terra era tanto. La coltivazione più diffusa e tra tutte la più antica era la segale, questa graminacea aveva il pregio di resistere meglio di altre al mutamento del clima. Un'altra era la questa o "furmentun" (in dialetto), da essa si otteneva una farina ruvida di gusto assai particolare. Si seminavano anche la fraina e il miglio, quest'ultimo caduto in disuso dopo il Settecento. Più tardi si iniziò a coltivare anche il mais o "melgone" la cui farina mescolata a quella nera era la base per la polenta, ma serviva anche come alimento per il bestiame. La patata da noi si iniziò ad usare verso la metà dell'ottocento, entrò di diritto come una delle voci principali della dieta contadina, contribuendo a risolvere non pochi problemi alimentari. Introdotta dagli austriaci, nel nostro dialetto ha assunto il nome di "tartiful", un termine di chiara origine tedesca. Un posto importante nelle coltivazioni avevano: pere, mele castagne e noci. Da queste ultime si estraeva l'olio, operazione svolta dai mulini in attività, prezioso era il bosco, nel quale si andava a raccogliere le nocciole, i lamponi, le more, i mirtilli e i funghi. Molte erbe selvatiche, poi, costituivano, d'estate, una preziosa integrazione all'alimentazione. Il caffè veniva fatto con le ghiande tostate, oppure con la piccola quantità di orzo coltivata. Le vigne erano scarse. Attorno al paese vi erano numerosi orti, collocati in modo da ricevere il sole per la maggior parte del giorno. La cura di questi piccoli appezzamenti era meticolosa. Vi si coltivavano: ravanelli, rape, verze, fagioli, piselli, aglio, prezzemolo, zucche e zucchine. Alcune famiglie, a partire dalla seconda metà dell'ottocento, si dedicarono anche alla coltivazione dei gelsi, avendo intrapreso l'allevamento del baco da seta. Un differente modo per procurarsi l'olio consisteva nella raccolta delle bacche dei faggi, dalle quali si otteneva un prodotto più leggero e profumato.


Pro Loco Pagnona - Via Municipio, 2 - 23833 Pagnona -LC