Vai alla pagina:  
 11  12  13  14  

pagina 4
La Lombardia paese per paese - Enciclopedia

Pagnona
Provincia di Como
Abitanti 549
Superficie Kmq 8,96
Altitudine m 790
Comuni limitrofi: Colico. Delebio (SO), Premana. Casargo, Tremenico.

Posto sopra un pianoro quasi a picco sul torrente Varrone, Pagnona si presenta a chi viene da Lecco, seguendo la strada della Valsassina, come un biancheggiante agglomerato di antiche case, a contrasto con il vicino centro di Premana, ampiamente modernizzato. Una profonda "caurga", il Contoleggio, percorsa dal torrente Varroncello, protegge l'accesso al paese, costituito nel suo nucleo più antico dalla torre e da pochi caseggiati con antichi portali e affreschi votivi, distribuiti in aspre viuzze; la torre, trasformata in abitazione, mostra ancora la sua possanza nelle compatte muraglie di pietra bruna; già baluardo di qualche signoria locale, come racconta nel 1571 il canonico Paride della Torre, fu caposaldo della difesa viscontea nella prima metà del Quattrocento contro le incursioni degli eserciti veneziani. Prima di entrare nell'agglomerato principale, una cappelletta settecentesca, arricchita da notevoli affreschi del secolo scorso, rappresenta una probabile trasformazione della chiesa medioevale di S. Michele, compiuta per ricordare lo scampato pericolo della peste del 1629. La pittoresca strada centrale, raccordata per mezzo di scalottole: ed altri vicoli, è adorna di portali e ferri battuti e sfocia in una piazzetta dalle gentili costruzioni settecentesche. Non è raro incontrare a Pagnona donne anziane che indossano ancora il tradizionale costume della zona, specialmente per la festa dell'Addolorala, la più importante del paese. La chiesa di S. Andrea, divenuta parrocchiale nel 1498 sorge in posizione isolata. un poco più in basso dell'abitato, verso il ciglio del torrente La costruzione fu modificata ne! 1903 e conserva pochi clementi barocchi, tra cui l'altare con una pregevole Addolorata e un raro paliotto di cuoio firmato da Giambattista Tagliaferri nel 1752. Oltre a un piviale donato da S. Carlo, il sacro tempio possiede paramenti preziosi che si dice appartenessero alla consorte di un doge veneziano. Vari arredi provenienti da Venezia testimoniano dell'antica consuetudine. dei pagnonesi, di emigrare nella città lagunare per lavoro, fenomeno riscontrabile anche in altri paesi della Val Varrone e nello stesso centro di Premana; gli artigiani del ferro di Pagnona usavano riunirsi nella Confraternita o Compagnia dei SS. Ambrogio e Carlo, alla quale si associavano via via anche coloro che si trasferivano in altre località con l'intento di mantenere rapporti con il luogo d'origine. La chiesa veniva perciò gratificata di doni, da aggiungersi alle opere artistiche locali, tra cui spicca una croce astile in rame del XIV secolo. Pagnona ha dato i natali a numerosi incisori e pittori della famiglia Tagliaferri, il cui gruppo più conosciuto è rappresentato da Giovanni Maria (1809-1879) e dai figli e nipoti Luigi, Achille e Giovanni, autori di numerosi affreschi nelle chiese della Valsassina (Indovero, Casargo, Premana, Tremenico), di Lecco e del Lago di Como (Menaggio,
Musso, Gravedona, Gera), oltre che in quelle della Bergamasca. Tagliaferri è oggi il cognome della stragrande maggioranza delle famiglie. In origine essi vennero forse dalla Val di Scalve per esercitare l'arte del ferro nel paese, che aveva miniere ancora attive alla fine dei XVIII secolo; dopo la crisi secentesca dei forni fusori eretti a valle di Pagnona dai Mornico alla metà del Cinquecento, ebbe inizio invece il flusso migratorio verso il territorio veneto. Oggi la località conta solo qualche attività artigianale. L'insediamento di Pagnona è di notevole antichità, essendo state trovate nel suo territorio due asce bronzee della media e tarda età del bronzo; altri corredi, poi dispersi, attestano la presenza dei celti, unica testimonianza finora per la Val Varrone. Nel Medioevo il paese appartenne alla Squadra dei Monti della Valsassina e a questa realtà fece capo anche nelle successive vicende; tenuto conto della considerevole decima pagata ai canonici di Primaluna, che erano tutti della famiglia dei Della Torre, si può pensare alla sua acquisizione da parte di questo casato. Nella storia e nella tradizione resta famosa la fonte di S. Carlo, dove l'arcivescovo avrebbe fatto scaturire l'acqua appoggiando una mano alla roccia. Siamo qui sulla strada che porta a Tremenico e ai pittoreschi prati di Gallino, antichi pascoli ora meta tradizionale di gite domenicali.