testata
homepage manifestazioni associazioni storia rubriche
chiesa

Consacrazione della chiesa
14-19 settembre 1954

Omelia di apertura del triduo

La Provvidenza — così ha incominciato il triduo di predicazione don Umberto Crugnola, canonico di Treviglio — ha voluto questo avvenimento quasi al centro di due epoche, quella in cui le pietre che formano questo tempio furono qui portate, vorrei dire, più che dalla fisica fatica, dalla granitica fede dei vostri padri, i quali al sorgere delle prime case sentirono il bisogno di edificare una casa al nome del Signore e questa nostra epoca, funestata da idee materialistiche che non sono più ormai triste eredità dei grandi centri ma che fanno sentire il loro influsso anche tra le genti della montagna per molte delle quali la Chiesa non viene più ad avere quelle funzioni di indispensabilità che rende più intimo il contatto con Dio, per cui non è difficile sentire anche qui quella terribile frase che dice: per pregare non è necessario andare in Chiesa.
Ma la Provvidenza ha i suoi tempi e i suoi uomini e aggiungendo alla lista dei nomi dei Parroci santi e zelanti che hanno guidato le sorti religiose del vostro popolo, quello dell'attuale vostro Pastore, lo ha voluto anima e artefice di questi avvenimenti ispirandogli in cuore quello zelo che divora per la casa del Signore, così che nulla ha da invidiare questo tempio a quello delle grandi città e delle ricche borgate.
Pensando alla consacrazione della Chiesa egli ha voluto che essa non fosse soltanto premio ai padri che l'hanno costruita ma rimanesse motivo di vanto per voi e per questo la preparò completando in modo meravigliosamente artistico l'Altare così che in un'unica consacrazione venisse fusa la fede dei padri e quello dei figli in un rinnovato impegno a difendere il patrimonio della verità che assieme dobbiamo credere.
Con tutto quello che ha formato fin qui la vostra eredità è stato consacrato il frutto dei vostri sacrifici, l'ara santa, sulla quale ogni giorno fino alla consumazione dei secoli il popolo di Pagnona dirà alle genti e alle future generazioni che, nonostante i venti contrari, la fiamma della fede non si è spenta e non si spegnerà.

 

Pro Loco Pagnona - Via Municipio, 2 - 23833 Pagnona -LC