testata
homepage manifestazioni associazioni storia rubriche
salutoasergio


OMAGGIO A GIOVAN MARIA TAGLIAFERRI

LA PITTURA RELIGIOSA DEI TAGLIAFERRI


Il profeta Abramo


... Per contrasto, nel corso dell'Ottocento assistiamo ad una decisa ripresa delle iniziative artistiche; il volto di molte chiese si trasforma radicalmente, a spese sovente di preesistenze medievali e rinascimentali, grazie all'inserimento di nuovi cicli pittorici, che vedono protagonisti la dinastia locale dei Tagliaferri di Pagnona, cui si aggiungono specialisti forestieri, come il Morgari che decora nel 1896 il santuario di Lezzeno. L'esponente principale dei Tagliaferri fu Giovanni Maria (1809-1897), seguito dal figlio Luigi e da altri figli e nipoti; ad essi si affiancò Antonio Sibella (1844-1900), originario di Rota d'Imagna, formatosi a Bergamo presso l'Accademia Carrara, collaboratore in varie occasioni di Luigi Tagliaferri (ad esempio, nella chiesa di S. Michele di Introbio, 1875-76). La pittura religiosa dei Tagliaferri, ancora in attesa di un censimento sistematico, nonostante una prima parziale ricognizione (Cultura e immagine, 1985), si caratterizza, come molta produzione devozionale, per una dimensione di "arte senza tempo", che non esclude una "impressionante varietà di linguaggi" e "numerose rivisitazioni... ora dichiarate, ora inconsapevoli, della pittura del Cinque e Seicento (Raffaello soprattutto)" (MULAZZANI, in Cultura e immagine, 1985). Fra gli esempi più interessanti di questa produzione spesso seriale e ripetitiva, non di rado stucchevolmente accademica, negli esiti migliori contraddistinta da una genuina vocazione narrativa, ricordiamo almeno la cosiddetta "cappella dell'Eresia" eretta nel 1836 sulla strada che conduce da Bellano a Vendrogno quale ex voto per l'epidemia di colera, affrescata da Giovanni Maria Tagliaferri con una immagine della Madonna col Bambino, S. Giuseppe, S. Elisabetta, i SS. Nazaro e Celso (patroni di Bellano) e un S. Michele che sconfigge Lucifero (oggi perduto), di una efficacia icastica che ricorda i modi del Fiammenghino; la decorazione della cappella di S. Rocco al cimitero di Premana, forse il più noto ciclo di affreschi di G.M. Tagliaferri, risalente al 1861, in cui l'iconografia dei Santi protettori dalle pestilenze Rocco e Sebastiano si combina con le vedute di Venezia negli sfondi e con la Gloria di S. Marco al centro della volta (ne erano infatti committenti gli artigiani del ferro premanesi emigrati a Venezia, ai quali si deve il rinnovamento ottocentesco di un più antico sacello eretto in onore dei morti della peste del 1630, secondo quanto spiega un’iscrizione sulla parete sinistra); ricordiamo infine la facciata della chiesa della Madonna delle Grazie di Barcone (Primaluna), affrescata nel 1870 da G.M. Tagliaferri, che recupera, nelle gigantesche figure dei SS. Ambrogio e Cristoforo ai lati del portale, una tradizione iconografica medievale…

 

(Da: “GUIDE DEL TERRITORIO DI LECCO Lario Orientale”
Amministrazione Provinciale di Como - NODO Libri - 1993)

 

Pro Loco Pagnona - Via Municipio, 2 - 23833 Pagnona -LC