testata
homepage manifestazioni associazioni storia rubriche
Entra In redazione

  redattore

 

  password


 

 


Associazioni


La storia della Sezione Comunale cacciatori ha inizio nel 1948. La sua fondazione è avvenuta per volere degli appassionati di caccia pagnonesi, i quali hanno ritenuto opportuno unire le proprie forze in modo da poter amministrare il territorio, preservandolo dal bracconaggio, dalle malattie, dall'inquinamento contribuendo così alla continuazione di quel delicato equilibrio naturale in cui vivono la flora e la fauna. La Sezione Comunale cacciatori fa parte della Federazione Italiana Della Caccia e dipende dalla sezione di Como. La scelta di questa federazione che risulta essere la maggiore tra le varie: Italcaccia, Enalcaccia, Unavi, Libera Caccia ecc., è stata voluta proprio perché risulta essere quella più vicina allo stato e quindi con maggiori risorse e possibilità.
Inizialmente la zona di caccia era limitata al solo territorio di Pagnona "870 ettari circa". Solo se sussistevano possibilità e i giusti requisiti, si estendeva il permesso di cacciagione nel territorio anche ad alcuni membri di gruppi dei territori confinanti; all'epoca la Sezione Comunale cacciatori dipendeva inoltre dal Consorzio Alpi Lariane, il quale, faceva da mediatore tra le varie sezioni comunali di caccia e la Federazione per la fornitura di selvaggina da ripopolamento. Non sempre però si riuscivano ad ottenere capi sufficienti e fu così che nel 1963, dopo alcune tiritere burocratiche, si arrivò alla stipulazione di una delibera, la quale prevedeva l'annessione alla Sezione Comunale Cacciatori di Pagnona, le sezioni comunali di caccia di altri sette comuni circostanti: "Colico, Dorio, Dervio, Vestreno, Sueglio, Introzzo e Tremenico. Con questa unione le cose migliorarono vistosamente specialmente dal punto di vista dei ripopolamenti che divennero più accurati ed abbondanti. Questa zona oggi è denominata Consorzio Riserve Comunali di Caccia Valvarrone.
Parlando con alcuni cacciatori, molto attenti ai mutamenti del territorio, ci hanno confidato che negli ultimi, anni a causa dell'abbandono dell'agricoltura e della pastorizia, sono avvenuti dei cambiamenti anche nella fauna; si è notato, infatti, un notevole aumento degli "ungulati" ed una conseguente diminuzione di lepri, coturnici ed altri pennuti dovuta anche all'aumento di predatori come: volpi e mustelidi (faine, martore, donnole), i quali una volta erano tenuti anch'essi sotto controllo.
Caprioli e camosci, si insediarono autonomamente nel territorio, circa trent'anni fa', mentre invece lo stambecco è stato introdotto da una decina d'anni. Sono native e si possono ammirare: la lepre comune e la lepre bianca, quest'ultima, più rara, si può trovare solo ad alte quote,mentre tra i pennuti autoctoni abbiamo: il gallo forcello, la coturnice, la pernice bianca e scrutando il cielo si possono ammirare il maestoso volo dell'aquila che fa la spola tra il Legnone e la Grigna e il volteggiare elegante di alcuni rapaci come il falco e la poiana. Numerosi sono inoltre gli uccelli di piccolo taglio: merli, tordi, passeri fringuelli ecc.
La Sezione Comunale cacciatori, svolge inoltre delle regolari giornate di ripristino e recupero ambientale, alcune giornate di censimento e controllo della fauna Collabora attivamente al mantenimento delle mulattiere, dei sentieri montani e di alcune baite, ex soste per il bestiame, adibite oggi a bivacco per cacciatori e viandanti.

Pro Loco Pagnona - Via Municipio, 2 - 23833 Pagnona -LC